Documentazione archeologica e immagini



Britannia




In questa sezione più che in altre vale la pena rammentare i limiti cronologici e tematici della Rassegna: nel presente capitolo verranno schedate solamente le risorse dedicate alla Britannia romana, escludendo dunque le numerose pagine Internet concernenti l'archeologia preistorica e medievale della Gran Bretagna, settori cui tradizionalmente la ricerca scientifica d'Oltremanica ha prestato una particolare attenzione. Per questi temi consiglio in particolare l'esplorazione della dettagliata Council of British Archaeology Guide to UK Archaeology Online.




About Scotland History: Hadrian's Wall
Parte di un sito dedicato alla storia della Scozia, queste pagine offrono una rapida introduzione al Vallo di Adriano, soffermandosi in particolare sulle caratteristiche costruttive della fortificazione, sul forte romano di Cilurnum (l'odierna Chesters) e su alcuni oggetti rinvenuti negli scavi di questo sito archeologico.

Ancient Landscapes, Information Systems and Computers
Si tratta della pagina WWW della School of Information Systems dell'Università dell'East Anglia, con sede a Norwich. Il sito elettronico ospita tra l'altro:
  • Un tour virtuale della città romana di Caistor: la visità del sito è senz'altro raccomandabile per l'accuratezza dei testi e per le numerose immagini e mappe; può essere intrapresa da una mappa attiva oppure, più semplicemente, puntando il mouse sull'icona delle impronte umane che appaiono al termine di ogni pagina.
  • Ricerche sui catasti antichi condotte da John Peterson; si veda tra l'altro:
    • un'interessante glossario dei termini latini ed inglesi concernenti la centuriazione.
    • Some computer tools for investigating ancient cadastres, un'introduzione alle tecnologie informatiche per lo studio delle antiche centuriazioni.
    • Ricerche sulle centuriazioni romane della Britannia: per il momento sono disponibili informazioni e mappe sulle centuriazioni di Lindum, Venta Icenorum e della regione del Kent, informazioni alle quali si può accedere anche attraverso una mappa attiva.

The Archaeological Investigations Project (AIP)
Pagine wen dedicate al censimento dell'attività archeologica in Inghilterra, a partire dal 1990, che è stato commissionato alla School of Conservation Science dell'Università di Bournemouth.
Nel sito web troviamo, oltre ad un'illustrazione degli scopi e delle metodologie perseguite dal progetto, è possibile scaricare i bollettini relativi alle annate 1995-2002.

Archaeology in Hampshire
Il sito contiene un dettagliato rapporto sulle attività di ricerca archeologica nella contea dello Hampshire nel 1996 (particolarmente utile l'Indes to sites by period, che rimanda rapidamente a tutti i siti di interesse per gli studiosi del periodo romano).
Va peraltro segnalato che questo documento sembra essere un "relitto" del web, dal momento che ormai la pagina principale (e più aggiornata) dedicata ai servizi archeologici nella contea dell'Hampshire pare essere collocata in un punto diverso del complesso sito istituzionale Hantsweb: vd. Hampshire's Historic Environment: Archaeology.

Archaeology in York
Sito dedicato all'archeologia nella città di York, comprende tra l'altro:
  • Un ampio tour virtuale delle mura di York, le cui origini risalgono al periodo romano.
  • L'indice degli Archaeological Reports della città di York dal 1990 al 1996.
  • Brevi resoconti su alcune delle campagne di scavo condotte nella città nel 1993.
  • Un elenco delle ricerche in corso.
  • Un documento sulla politica di ricerca archeologica e di conservazione dei beni culturali intrapresa dalla città di York.
  • Una versione elettronica del rapporto sull'archeologia di York redatto per l'English Heritage Urban Archaeological Assessment Database Programme.
La pagina di Archaeology in York, nata alla fine del 1995, pare essere stata abbandonata, e non sostituita, già nel 1996; le informazioni sono dunque inevitabilmente obsolete, mentre alcuni links non sono più funzionanti.

Association for the Study and Preservation of Roman Mosaics
L'associazione ha focalizzato le sue ricerche in particolare sui masaici della Britannia romana. Per una breve descrizione del sito Internet dell'ASPROM si veda la scheda nella sezione dedicata alle Associazioni.

The Birmingham Roman Roads Project
Questo progetto, promosso dalla School for Professional and Continuing Education dell'Università di Birmingham, ha preso avvio nella primavera del 1994 e si propone di rintracciare il percorso delle vie romane che attraversavano la zona della città di Birmingham. In questo sito elettronico vengono proposti:
  • Resoconti sui progressi del progetto, estretti da articoli comparsi nella rivista "West Midlands Archaeology".
  • Una mappa delle strade romane della Britannia, tratta da R. Chevallier, Roman Roads, London 1976.
  • Una mappa della rete stradale nella zona centrale della regione delle Midlands, con indicazione degli accampamenti legionari, dei forti occupati dagli auxilia e degli accampamenti temporanei.
  • Un diagramma, accompagnato da un breve testo, che illustra come veniva costruita una strada romana.
  • Un reportage fotografico sulla strada romana di Sutton Park, nei pressi di Birmingham
  • Una sitografia sul tema delle strade romane.
Il progetto è coordinato da Peter Leather.

Birmingham Archaeology
Il sito web di Birmingham Archaeology (già Birmingham University Field Archaeology Unit), pur essendo parte integrante dell'Università di Birmingham, offre numerosi servizi di carattere archeologico anche a privati. Il sito dell'unità di ricerca riflette questa particolarità
  • Nella sezione Commercial Services si illustrano appunto i servizi che l'unità in grado di offrire, dallo scavo alla ricognizione topografica.
  • Clients presenta una lista degli enti che recentemente si sono rivolti a Birmingham Archaeology per collaborazioni.
  • Projects elenca i progetti recentemente intrapresi dall'unità.
  • Education & Training è la sezione dedicata ai corsi di livello postgraduate alla cui realizzazione l'unità partecipa.
  • Projects, la sezione di maggiore interesse. Mi soffermo qui unicamente sulle ricerche concernenti l'archeologia della Britannia romana, rimandando alle appropriate pagine della Rassegna per una descrizione delle ricerche concernenti altre aree.
    • The Wroxeter Hinterland Project, una dettagliata esposizione del progetto avviato nel settembre 1994 che si propone di indagare il rapporto fra la città romana di Viroconium Cornoviorum - l'odierna Wroxeter - e la circostante area rurale, in particolar modo sotto il punto di vista del processo di romanizzazione.
    • Access to Archaeology, dove in particolare si propone una visita virtuale al forte romano di Wroxeter, che richiede Netscape 4.05 o superiore, oppure Internet Explorer 5.0 o superiore, e il plug in Viscape della Superscape (scaricabile gratuitamente attraverso il link proposto nella pagina Access to Archaeology) ed il sistema operativo Windows 95, 98, NT 4 o superiore.
  • Projects, la sezione di maggiore interesse. Mi soffermo qui unicamente sulle ricerche concernenti l'archeologia della Britannia romana, rimandando alle appropriate pagine della Rassegna per una descrizione delle ricerche concernenti altre aree.
    • Access to Archaeology, dove in particolare si propone una visita virtuale al forte romano di Wroxeter, che richiede Netscape 4.05 o superiore, oppure Internet Explorer 5.0 o superiore, e il plug in Viscape della Superscape (scaricabile gratuitamente attraverso il link proposto nella pagina Access to Archaeology) ed il sistema operativo Windows 95, 98, NT 4 o superiore.
    • The Roman Small Town at Shepton Mallet, Somerset, un dettagliato resoconto delle indagini condotte in questo sito archeologico.
    • The Wroxeter Hinterland Project, una dettagliata esposizione del progetto avviato nel settembre 1994 che si propone di indagare il rapporto fra la città romana di Viroconium Cornoviorum - l'odierna Wroxeter - e la circostante area rurale, in particolar modo sotto il punto di vista del processo di romanizzazione.
    Da non dimenticare, anche se non rientrano nei militi cronologici della Rassegna, le indagini archeologiche condotte dal BUFAU in diversi siti preistorici dell'Inghilterra.
  • Staff
  • Courses, informazioni sui corsi di specializzazione organizzati dal BUFAU, in collaborazione con la Scholl of Antiquity dell'Università,; di Birmingham. In particolare si troveranno qui dettagli riguardo al corso su Geomatics and landscape archaeology.
  • Links
  • Local Search, un motore di ricerca interno.
Il sito del BUFAU è curato da Vincent Gaffney. Per ulteriori informazioni sull'attività di questa unità di ricerca si può utilizzare il modulo pubblicato nel sito stesso oppure inviare un messaggio di posta elettronica all'indirizzo BUFAU@bham.ac.uk.

Britannia
Ampio sito contenitore sulla storia della Britannia romana, a cura di P. Green. Comprende le pagine:
  • The Roman Army in Britain, che comprende:
    • un Gazetteer che registra le emergenze archeologiche dell'occupazione romana della Britannia, spesso con rimandi alla bibliografia rilevante, talvolta anche ad immagini. Il Gazetteer è articolato per grandi regioni (Southern England and East Anglia, Central England, Northern England, Wales, Scotland), poi per contee. Ciascuna scheda comprende il nome inglese del sito, il nome romano, quando noto, e il riferimento alla carta dell'Ordnance Survey. Un motore di ricerca consente di interrogare la base di dati per nome della località (antico o moderno) e per nome dell'unità militare.
    • Carte geografiche che indicano la localizzazione dei diversi siti menzionati nel Gazetteer.
    • Una raccolta di fotografie, suddivisa nei capitoli Frontier Systems, Fortresses, Forts and Fortlets, Temporary camps e Signal Towers.
    • Un'introduzione sull'organizzazione e l'equipaggiamento dell'esercito romano in età imperiale.
    • Un glossario di termini relativi alle antichità militari romane.
    • Una descrizione del tipo di insediamenti militari romani che si sono ritrovati in Britannia (per esempio forti, campi militari, torri di avvistamento, etc.).
    • Una cronologia che registra i principali eventi militari della storia della Britannia romana, in connessione con la nascita e l'evoluzione degli insediamenti registrati nel Gazetteer.
    • Ricostruzioni di insediamenti militari e dell'equipaggiamento dei soldati romani.
    • Links, una buona lista di connessioni ad altre pagine della Rete dedicate alla Britannia romana, all'esercito romano, e ai gruppi che si propongono di far rivivere la storia delle unità militari romane della Britannia.
    • Una bibliografia introduttiva sulla Britannia e sulla storia dell'esercito romano.
  • Britannia Military Bibliography: per la descrizione di questa sezione rimando alla scheda nel capitolo Storia Militare.
  • The Roman Gask Project, dedicato al progetto di ricerca su di un sistema difensivo del Perthshire che pare risalire all'80 d.C. circa. Questa sezione del sito di Britannia, curata da David Woolliscroft, si articola nelle pagine:
    • Introduction, una breve illustrazione del sistema difensivo di Gask e del progetto di ricerca; da questa pagina è possibile accedere ad alcuni contributi di approfondimento sul progetto di ricerca, in versione elettronica, e ad una breve lista di siti web interessanti sul soggetto.
    • Maps, carte geografiche della regione oggetto della ricerca; si tratta di mappe sensibili, che consentono l'accesso al Gazetteer del Roman Gask Project.
    • Papers, contributi sui diversi siti archeologici studiati nel corso del progetto, cui si accede da un indice in forma di Gazetteer; per alcuni siti sono anche disponibili fotografie.
    • News, rassegna stampa sul Roman Gask Project e segnalazioni delle novità recenti del sito Internet.

      Britannia. A Selective History from the Expedition of Caesar to the Norman Conquest
      Sito di carattere divulgativo, a cura di James Grout, suddiviso in una sezione romana e in una sezione anglosassone. Ci soffermeremo sulla prima, che presenta le pagine:
      • Roman Ruins in Britain: una mappa sensibile dalla quale si può accedere ad una galleria di immagini di diversi siti archeologici della Britannia, con didascalie e breve decsrizioni.
      • Wales and Resistance
      • Boudica
      • Mons Graupius
      • Miscellanea: brevi saggi sulla spedizione di Cesare, sul Vallo di Antonino, l'usurpatore britannico D. Clodio Albino e sulla geografia storica della Britannia.
      • Index: indice dei nomi citati in questa sezione del sito, con links ai testi o alle immagini rilevanti.
      • Bibliography: una bibliografia introduttiva sulla storia della Britannia in età romana.
      • Links: un breve elenco di connessioni ad altre pagine della Rete rilevanti.

      Britannia: The Roman Period
      Britannia, un sito web di carattere turistico sulle isole britanniche, ospita anche un buon numero di materiali dedicati al periodo romano, seppure di carattere divulgativo. La pagina segnalata costituisce una sorta di indice che consente di recuperare rapidamente le diverse pagine di Britannia che trattano della presenza romana, organizzate secondo i seguenti temi:
      • Timeline
      • Narrative Histories
      • History of London
      • Travels Through History (links alle pagine che trattano di singoli siti archeologici o di musei di antichità)
      • Biographies
      • Lists (lista degli imperatori romani e dei governatori della provincia di Britannia, fino a Settimio Severo)
      • Historical Maps
      • Artefacts
      • Church History
      • Original Sources & Texts (contiene la traduzione inglese del racconto tacitiano della rivolta di Budicca)
      • Links

      British Archaeology on the Internet
      Un elenco di connessioni a risorse WWW e gopher del Regno Unito per lo studio dell'archeologia. Il sito non sembra essere più stato aggiornato dal 1997.

      Canterbury Archaeological Trust
      In questa pagina sono raccolte le connessioni a diversi contributi on line (estratti dagli Annual Reports del Canterbury Archaeological Trust) che costituiscono gli approfondimenti di un tour virtuale di Canterbury. Riguardano il periodo antico i saggi su:
      • Archaeology at the Cheker of Hope
      • Archaeology at Burgate
      • Archaeology in the Longmarket
      • No 6 The Parade
      Alcune immagini e mappe degli scavi accompagnano i testi.

      Chester Archaeological Society
      Questa associazione è nata nel 1849 per promuovere la ricerca storica, archeologica e architettonica nella città di Chester, nel Chesire e nel Galles settentrionale. Il sito web della Chester Archaeological Society offre le pagine:
      • History and Activities.
      • Lecture Programme.
      • Forthcoming Excursions.
      • Journal, informazioni sul «Journal of the Chester Archaeological Society», con gli indici e i riassunti degli articoli pubblicati nell'ultimo fascicolo e gli indici completi del periodico a partire dal 1887.
      • The «Chester Antiquary», versione elettronica del bollettino dell'associazione.
      • Library, presentazione della biblioteca dell'associazione.
      • How to join.
      • Society Contacts, indirizzi di posta elettronica e recapiti telefonici dei dirigenti dell'associazione.
      • Related Sites, breve elenco di siti Internet di interesse.

      The Chester Project
      Il Chester Project si propone di ricostruire attraverso la computer grafica la fortezza legionaria romana di Chester alla metà del III sec. d.C., quando gli edifici in pietra erano nella loro forma più compiuta. Nonostante questo sia il nucleo del progetto la tecnica di ricostruzione grafica tridimensionale potrebbe essere estesa anche al periodo pre-romano, agli edifici romani di legno o al periodo successivo, per illustrare Chester nel periodo sassone. Il sito, nel momento in cui rivedevo questa scheda (dicembre 2000) era in fase di profonda riorganizzazione.
      Tra i materiali visibili al momento particolarmente interessante mi pare la ricostruzione e la descrizione dell'edificio ellittico, che rappresenta un unicum nell'architettura romana. Nella pagina dedicata a questo monumento vi è una bella foto dell'iscrizione su una fistula aquaria che ricorda Agricola, legatus Augusti nel nel 79 d.C.
      Da notare anche le suggestive ricostruzioni delle strutture difensive della romana Deva.
      Indirizzare osservazioni e commenti al curatore del sito, Julian Baum.

      City of Bath
      Una pagina di introduzione alla storia di Bath che non contiene nessuna informazione sul periodo antico della città, ma conserva una bella immagine delle Terme romane.

      The Clwyd-Powys Archaeological Trust
      Il Clwyd-Powys Archaeological Trust è dei quattro Trusts che operano per preservare, registrare ed interpretare il patromonio archeologico del Galles. Il Clwyd-Powys Archaeological Trust si occupa in particolare dell'area centro settentrionale della regione.
      Il sito web del CPAT è assai ricco; si presentano qui le principali sezioni:
      • About CPAT, con informazioni sulle attività del Trust, sull'equipe che vi lavora, gli indirizzi da contattare, una ricca bibliografia della produzione scientifica dell'equipe del CPAT.
      • Newsletter, bollettino on line del Trust, con informazioni sulle ultime scoperte archeologiche e le manifestazioni organizzate dal CPAT.
      • Education, informazioni sui servizi didattici offerti dal CPAT. Tra le guide didattiche on line approntate segnalo in particolare la pagina dedicate al forte romano di Brecon Gaer.
      • Archaeological Services, illustra i servizi di ricerca archeologica offerti dal Trust.
      • Projects, illustra i numerosi progetti di indagine attualmente portati avanti dal CPAT e le ricerche condotte negli anni passati (alcune delle quali di interesse per l'archeologia romana). La sezione ospita anche dei resoconti più dettagliati su alcuni dei progetti (Longer Project Reports ), nessuno dei quali tuttavia mi pare avere uno speciale interesse per la fase romana.
      • Offa's Dyke, una sezione dedicata al grande vallo altomedievale che divideva l'Inghilterra dal Galles.
      • Links.
      Da rilevare che il sito del CPAT è disponibile anche nella versione in gaelico. L'indirizzo di posta elettronica del CPAT è trust@cpat.org.uk.

      Colchester Archaeological Trust
      Il Colchester Archaeological Trust è un'associazione per la promozione della ricerca archeologica a Colchester e nella sua regione. Il suo sito web presenta le pagine:
      • About the Trust.
      • Services.
      • Excavations, gli scavi nei siti archeologici di Stanway, Abbotstone, Menzies, Head Street e Abbeyfield, tutti in qualche misura connessi con la colonia romana di Camulodunum, che sorgeva appunto nel sito dell'odierna Colchester.
      • Articles, brevi articoli in formato elettronico sulla storia di Colchester, fra i quali segnalo un contributo sugli strumenti chirurgici rinvenuti negli scavi di Stanway.
      • Publications, una presentazione dei contributi editi dal Trust.
      L'indirizzo di posta elettronica del Colchester Archaeological Trust è archaeologists@colchester-arch-trust.co.uk.

      Concangis
      Mike Bishop propone questo resoconto in formato ipertestuale della campagna di scavi intrapresa nell'inverno 1990/1991 nel sito archeologico del forte romano di Concangis (odierna Chester-le-Street, nella contea di Durham). L'ipertesto è ricchissimo di informazioni e di illustrazioni, ma la navigazione non è sempre semplicissima: consiglio dunque di partire dall'indice che si trova alla pagina http://www.bigwig.net/mcbishop/concangis/contents.htm.
      Sostanzialmente il resoconto di scavo comprende cinque grandi sezioni (con numerosi links ipertestuali di collegamento):
      • The Popular Account.
      • The Academic Report.
      • The Director's Daybook, un diario di scavo.
      • The Photos.
      • The Archive, completo elenco dei materiali rinvenuti nel corso dello scavo, ora depositati presso il Bowes Museum di Castle Barnard.

      The Cotswold Hyperguide
      Coloro che sono interessati alla storia antica di questa regione dell'Inghilterra possono iniziare la loro esplorazione dalla pagina History and Lore, nella quale vi è un breve paragrafo dedicato al periodo romano, con link alle altre pagine della Cotswold Hyperguide con cenni di un qualche interesse per gli antichisti:
      • Roman Sites elenca e descrive brevemente i siti archeologici dell'età romana, con una immagine della villa di Witcombe.
      • Cirencester, pagina dedicata alla più importante città romana della regione, Corinium.
      • Corinium Museum, con le fotografie di alcuni mosaici conservati in questo museo e la ricostruzione del giardino di una casa romana.
      Si vedano anche, nella sezione Things to See, informazioni sull'accesso a monumenti e musei di interesse per il periodo romano del Cotswold.

      Council for British Archaeology
      Il Council for British Archaeology, l'ente preposto allo studio e alla conservazione dei monumenti storici della Gran Bretagna, possiede una pagina WWW, a cura di Mike Heyworth, che è un buon punto di partenza per l'esplorazione delle risorse in Rete per lo studio dell'archeologia della Britannia.
      La ricchezza dei materiali qui conservati ne consente solo una descrizione cursoria. Segnalo in particolare le sezioni:
      • Online publications, con connessioni alle riviste «Internet Archaeology», «British Archaeology», «CBA Briefing» (il bollettino del Council for British Archaeology) a resoconti di scavo e a Occasional Papers.
      • Online services: qui, oltre ad un link all'Archaeology Data Service e alla sua banca dati di datazioni al radiocarbonio, troveremo un indirizzario degli archeologi del Regno Unito e una versione on line della monografia curata da D. Hanson, Teaching Archaeology. A United Kingdom Directory of Resources.
      • Inside Archaeology: troveremo qui un documento sulla politica governativa nel Regno Unito riguardo la conservazione dei beni storici, un notiziario sugli scavi a quali è possibile partecipare, un calendario di incontri scientifici, un calendario di corsi didattici, un bollettino di recenti monografie di argomento archeologico, estratti dai dibattiti del Parlamento inglese concernenti l'archeologia, informazioni riguardanti premi e borse di studio, le notizie archeologiche nella stampa inglese.
      • E Mail Service, sezione dedicata alla mailing list BRITARCH (vd. scheda); comprende anche un elelnco di altri gruppi di discussione e Newsgroups di interesse archeologico.
      • Archaeology Online, comprende una dettagliata guida alle risorse Internet per lo studio dell'archeologia in Gran Bretagna, di cui vale la pena riprendere l'organizzazione:
        • Government
        • Government agencies & Royal Commissions
        • Non-government organisations & representative bodies
        • Local government curators
        • Contracting units, trusts & consultancies
        • University archaeology departments
        • Special interest groups, projects,services & national societies
        • Regional & local societies
        • Virtual tours & presentations
        • Online journals & magazines
        • Specialist archaeological book services
        • Museums
        • Other online directories
        • Miscellaneous
      • The CBA, sezione che illustra la storia, le finalità, le pubblicazioni, gli organi e le modalità di associazione al Council for British Archaeology.
      • Ongoing Projects, illustra alcuni dei grandi progetti intrapresi dal CBA, tra i quali particolare rilevanza ha la British & Irish Archaeological Bibliography.
      L'indirizzo di posta elettronica del Council for British Archaeology è info@britarch.ac.uk.

      Council for Kentish Archaeology
      IL CKA è l'ente preposto alla promozione delle ricerche archeologiche nella contea del Kent. Il sito web presenta le pagine:
      • Council for Kentish Archaeology officers.
      • Conferences.
      • Friends of CKA.
      • Keston Roman Tombs (solamente informazioni di carattere pratico).
      • New subscriptions
      • Kent Archaeological Review
      • The Crofton Roman Villa, Orpington, England (informazioni di carattere pratico e qualche immagine).
      • The Roman Painted House Dover, England, sezione articolata in 7 pagine, che riprende molti dei contenuti presenti in altro sito web, The Roman Painted House at Dover, England (vd. scheda) e che sembra essere stata creata scansionando, talvolta in modo piuttosto maldestro, un opuscoletto informativo.
      • "So you want to be an archaeologist?", informazioni per i ragazzi che vogliono accostarsi allo studio dell'archeologia nel Kent.
      • Links to other archaeological groups, molto limitato.
      • Kent Archaeological Rescue Unit Publications.
      Le informazioni conservate nel sito Internet del CKA sono ancora piuttosto limitare; devo anche notare che il massiccio ricorso alla scansione di pagine a stampa per la creazione del sito web non rende certo agevole e pratica la navigazione.

      The Council for Scottish Archaeology
      In Council for the Scottish Archaeology è un organismo che intende promuovere la conservazione e lo studio del patrimonio storico e artistico della Scozia. Questa Home Page presenta brevemente le finalità del'associazione, gli eventi culturali da essa sponsorizzati, una versione on line del suo statuto, infine uno specimen dell'Annual Survey of Scottish Archaeological Discoveries, Excavation and Fieldwork, pubblicato dal CSA.
      L'indirizzo di posta elettronica del CSA è CSA@dial.pipex.com.

      Current Archaeology
      Una guida all'archeologia nelle isole britanniche. Consente di accedere alle notizie concernenti recenti scoperte, libri dedicati all'archeologia, gli scavi attualmente in corso, la carriera di archeologo; permette inoltre di contattare altre persone interessate alla disciplina e di consultare un documento di Frequently Asked Questions; non mancano naturalmente links a guide alle risorse on line per lo studio dell'archeologia nel Regno Unito e negli USA.
      Current Archaeology è particolarmente interessata a notizie concernenti scavi in corso, associazioni archeologiche e nuove scoperte: tali informazioni, e in genere ogni notizia riguardante l'archeologia delle isole britanniche, può essere inviata all'indirizzo di posta elettronica archdruid@archaeology.compulink.co.uk.
      Altri commenti e segnalazioni di errori vanno invece indirizzati al curatore di Current Archaeology, Andrew Selkirk. Ad un primo sommario esame pare trattarsi di una risorsa indubbiamente interessante per gli addetti a questo settore di studi,anche se presenta alcuni caratteri che non rientrano nell'ortodossia accademica.

      Derbyshire Archaeological Society
      Si tratta di un' associazione, nata nel 1878, che intende promuovere l'interesse per l'archeologia e la storia del Derbyshire. La pagina web della Derbyshire Archaeological Society, a cura di Steve Malone, presenta in particolare:
      • L'elenco delle conferenze organizzate dall'associazione.
      • Notizie sugli scavi in corso (nel momento in cui ho visitato questa pagina, nell'ottobre 1998, la sezione includeva peraltro il solo, laconico, annuncio che lo scavo nel sito di Ockbrook era terminato ...)
      • Informazioni sul Derbyshire Archaeological Journal, con gli indici ricercabili della rivista dalla sua apparizione nel 1879.
      • Informazioni sul Derbyshire Miscellany, un'altra rivista dedicata alla storia locale.
      • Notizie sull'attività delle 4 sezioni che compongono la Derbyshire Archaeological Society, L'Archaeological Research Group, l'Architectural Section, l'Industrial Archaeology Section e la Local History Section.

      Earthwatch: Roman Fort on Tyne
      Breve descrizione degli scavi di un forte romano in corso a South Shields, nei pressi di Newcastle, nella zona del Vallo di Adriano; contiene informazioni utili per i volontari che intendono partecipare alle ricerche.

      East Anglian Archaeology
      In questo sito web troviamo informazioni riguardo i resoconti sulla ricerca archeologica nelle contee del Norfolk, Suffolk ed Essex, con la possibilità di effettuare ordini online.
      La materia è comodamente suddivisa per cronologia: si segnala dunque in particolare la sezione dedicata all'età romana.
      Per eventuali informazioni inviare un messaggio di posta elettronica all'indirizzo enquiries@eaareports.org.uk.

      English Heritage: Archaeology and Survey
      La pagina archeologica dell'English Heritage consente di accedere ad una ricchissima documentazione on line sui beni archeologici e culturali dell'Inghilterra. Dopo una riorganizzazione il sito si presenta come segue:
      • News, le novià recentemente inserite nel server di English Heritage, sezione archeologica.
      • Our work, illustra le attività del Department of Archaeology and Survey di English Heritage. Da qui si pu&oagrave; accedere ad una breve descrizione di alcuni dei recenti progetti del Dipartimento, tra i quali segnalo per il suo interesse romano Wroxeter Hinterlands, progetto portato avanti in collaborazione con la Birmingham University Field Archaeology Unit.
      • Research Agenda
      • Archaeology Commissions, illustra l'Archaeology Commissions Programme attraverso il quale English Heritage finanzia progetti di scavo archeologico. Da questa sezione è anche possibile accedere a descrizioni, più o meno estese, dei progetti di indagine recentemente sottoposti all'attenzione della commissione; tra essi riguardano il periodo romano, exempli gratia:
        • The Roman Cemetery at Brougham, Cumbria - Excavations 1966-67
        • Harlington Roman Cemetery, Bedfordshire
        • Handbook of Romano-British Glass
        Gli sviluppi dei progetti possono essere seguiti grazie alla pagina Updates.
      • Resources, con links agli strumenti telematici utili per l'indagine archeologica in Inghilterra, tra i quali:
        • The English Heritage Geophysical Survey Database, un indice delle prospezioni archeologiche condotte a partire dal 1972 dalla sezione Archeometria dell'Ancient Monuments Laboratory. Per quanto riguarda le indagini più recenti, talvolta troviamo una connessione ad una versione ipertestuale del rapporto sulla prospezione. Interessano il periodo romano i reports su Woodbury Farm, Axminster; St Andrew'S Hill Cullompton; Park Farm, Snettisham,; Baston Drove, Thurlby; Fen Farm, Pinchbeck; Lower Farm, Nuneham Courtenay; Cocks Farm Roman Villa, Abinger; Hinton St Mary; Fawler Roman Villa; Steencose Farm, Sutton Farm, Sutton-upon-Derwent; Beerway Farm, Shapwick; Whitehall Farm, Kelk; Adlingfleet; Church Farm, Ashington; Marshchapel; Bignor Roman Villa; Fullerton Roman Site; Silchester Roman Town.
        • Environmental Archaeological Bibliography, una banca dati bibliografica consultabile on line, per la quale si rimanda ad un'apposita scheda della della Rassegna, di prossima compilazione.
        • Monument Class Descriptions, un'interessante banca dati sulle tipologie monumentali del patrimonio archeologico ed artistico dell'Inghilterra. Gli antichisti possono contare sulla sezione Roman / Romano-British Monuments, con diverse classi monumentali (exempli gratia anfiteatri, basiliche, ponti, templi, fattorie, fortificazioni, ville, miniere, strade, etc.). Scegliendo dal menu a tendina che appare nel frame di destra la classe monumentale desiderata, nel frame principale appare una scheda che presenta le voci: definizione, datazione, descrizione generale, distribuzione regionale, frequenza degli esempi della classe monumentale, fattori che ne hanno determinato la sopravvivenza o meno, altri monumenti generalmente associati, criteri di caratterizzazione, bibliografia.
      • Consultation Documents, versioni on line di documenti di indirizzo concernenti la ricerca archeologica in Inghilterra.
      • Policy, Standards & Guidance, sezione che si propone di raccogliere contributi, anche in forma elettronica, che propongono linee di guida da seguire nell'indagine archeologica: una documentazione dunque di carattere più squisitamente tecnico rispetto a quella raccolta nella sezione precedente; in effetti, nel momento in cui compilavo questa scheda erano a disposizione i seguenti contributi:
        • Management of archaeological projects
        • Archaeometallurgy in Archaeological projects
        • Guidelines for the Care of waterlogged Archaeological Leather
      • Publications & Reports: la sezione fornisce l'accesso a cataloghi di novità librarie, ad «Archaeology Review», la rivista che raccoglie contributi sull'attività archeologica dell'English Heritage e ai diversi Reports ospitati nel server.
      • Links, la consueta pagina di connessioni ad altri siti Internet.

      Hadrian's Wall and the Romans
      La pagina, che fa parte del sito web del Northumberland County Council, offre una rapida introduzione alla regione del Vallo di Adriano, con qualche immagine e links a siti della Rete rilevanti.

      Hadrian's Wall, Britain
      Questa pagina fa parte del noto gateway About.com ed è soprattutto intesa a dare informazioni di carattere pratico per i turisti che intendono visitare il celeberrimo monumento. Vi si troverà comunque qualche immagine del Vallo e alcuni links ad altri siti della Rete.

      Hadrian's Wall Country
      Ancora un sito di carattere turistico dedicato al Vallo di Adriano. Più che i testi, inevitabilmente piuttosto generici, e le immagini, di non eccelsa qualità, gli antichisti consulteranno queste pagine per organizzare dal punto di vista pratico una visita al Vallo.

      Hadrian's Wall World Heritage Site
      Sito dedicato al Vallo di Adriano, tra ricerca archeologica e turismo (aspetto che per la verità prevale abbastanza nettamente). Limitando la descrizione alle pagine di carattere archeologico ricordiamo:
      • Exploring the Wall, dove troviamo una cartina della regione del Vallo e, suddivise in tre settori, indicazioni sulle evidenze monumentali più interessanti della fortificazioni.
      • About the Wall
      • Research & Archaeology, con una sommaria storia delle ricerca scientifica sul Vallo e una breve bibliografia.
      • News from the Wall, una sorta di bollettino degli eventi in qualche modo legati al Vallo.
      Per ulteriori informazioni inviare un messaggio all'indirizzo di posta elettronica info@hadrians-wall.org.

      Hardknott Castle Roman Fort
      In questa pagina, che fa parte dell'album fotografico di Andy Burnham, troviamo qualche bella immagine del fortino romano di Hardknott, nella Cumbria.

      Heritage Trust of Lincolnshire
      Ricco sito web dell'organismo deputato alla conservazione dei beni culturali del Lincolnshire. Coloro che sono interessati all'archeologia della Britannia leggeranno in particolare le sezioni:
      • The Work of the Trust, che comprende anche una breve descrizione dei servizi archeologici.
      • Heritage News, un bollettino di informazioni.
      L'indirizzo di posta elettronica dell'Heritage Trust of Lincolnshire è info@lincsheritage.org.

      Highland Council Archaeology Service
      Un servizio per l'identificazione, la protezione, la promozione e l'interpretazione del patrimonio archeologico delle Highlands scozzesi. Per ovvie ragioni geografiche e storiche, il ruolo dell'archeologia romana è assolutamente minoritario. Il sito comunque è suddiviso nelle sezioni:
      • Newsletter: Digging Deep
      • Forthcoming Events
      • Practical Advice
      • Sites to Visit
      • Fieldwork
      • Links
      L'indirizzo di posta elettronica del servizio è Archaeology@highland.gov.uk.

      Humber Archaeology Partnership
      Un servizio per la ricerca archeologica che ha base a Kingston upon Hull, nello Yorkshire orientale. Il sito web comprende principalmente due ampie sezioni:
      • Humber Sites and Monuments Record, presenta la banca dati relativa ai rinvenimenti archeologici di Kingston upon Hull e della sua regione.
      • Humber Field Archaeology, pagina web di una società di archeologi professionisti che da diversi anni si occupa degli scavi nella regione; tra i progetti portati avanti dall'HFA di cui si rende conto in queste pagine segnalo in particolare gli scavi di Kingswood, che hanno rivelato un insediamento rurale romano della seconda metà del II sec. d.C.
      Direttamente dalla Home Page dell'Humber Archaeology Partnership è possibile consultare:
      • Un elenco delle pubblicazioni promosse dall'HAP.
      • Una breve introduzione all'archeologia di Kingston upon Hull e della sua regione.
      • Un elenco di links rilevanti.
      • La pagina di una locale associazione archeologica, la East Riding Archaeological Society.
      • How to Get Started in Archaeology, qualche sintetico consiglio su come accostarsi all'archeologia, con suggerimenti, bibliografici, i corsi da frequentare, le opportunità di scavo, alcuni indirizzi utili.
      • Recensioni in formato elettronico di monografie dedicate all'archeologia della regione.
      • Un calendario degli incontri dedicati all'archeologia a Kingston upon Hull e nella regione.
      • Stop Press, un bollettino delle più recenti novità riguardanti l'archeologia della regione.
      L'indirizzo di posta elettronica dell'Humber Archaeological Partnership è hap@hullcc.gov.uk.

      Institute of Field Archaeologists: Wessex Group Home Page
      Il gruppo si è costituito per diffondere informazioni sulle attività dell'Institute of Field Archaeologists (IFA), per promuovere la cooperazione tra gli archeologi che operano nella regione del Wessex e per l'organizzazione di conferenze e convegni. In questa pagina elettronica troviamo l'elenco dei membri del comitato direttivo dell'associazione, una bacheca elettronica con gli eventi organizzati dal Wessex Group, una versione elettronica del Newsletter e connessioni a pagine utili per chi si occupa di archeologia e storia del Wessex.
      Eventuali commenti al curatore della pagina, Mark Bell.

      Keith's Archaeology Page
      La pagina personale dell'archeologo di Chester Keith Matthews contiene qualche documento di grande interesse per la storia della Britannia romana. in particolare segnalo:
      • Romano-British Placenames, un lungo elenco di toponimi della Britannia romana, risultato delle ricerche condotte da Matthews a partire dalla tesi di laurea.
      • The Ravenna Cosmography, dedicato in particolare alla sezione britannica della Cosmographia dell'Anonimo Ravennate. Vi si troverà un'introduzione al testo, con una rassegna degli studi precedenti e un'illustrazione dei caratteri della sezione britannica, il testo latino della sezione britannica, un tentativo di identificazione delle località della Britannia nominate nella Cosmographia, regione per regione, e una discussione del testo, nella quale Matthews si sofferma sulle fonti del Ravennate, sul suo metodo e sulla mappa che verosimilmente egli utilizzò per creare l'impianto della sua trattazione sulla Britannia. Da notare anche una buona bibliografia sulla toponomastica della Britannia romana.
      • Chester's Roman amphitheatre, illustra in particolare la campagna di scavo intrapresa su questo monumento nel 2000, con l'ausilio di numerose fotografie.
      • The archaeology of western Cheshire, comprende anche una pagina sulla fase romana.

      Kent Archaeological Society
      La pagina web dell'associazione, nata nel 1837 per promuovere lo studio dell'archeologia e della storia nella contea del Kent, presenta una struttura assai chiara:
      • About the Society
      • Who to contact
      • Membership
      • Publications
      • Diary of events
      • News and training excavation
      • Annual Report 1999
      • Kent churchyards monumental inscriptions (epigrafi sepolcrali di età moderna)
      • Links to other web sites

      Lancaster Priory
      L'origine dell'abbazia benedettina di Lancaster affonda le sua radici nel periodo romano. In questo sito elettronico, oltre a splendide immagini della chiesa medievale, si trovano sommarie informazioni sui ritrovamenti risalenti al periodo paleocristiano, tra più antichi della Britannia romana.

      Leicestershire Archaeological and Historical Society
      In questa pagina possiamo trovare informazioni sui membri dell'associazione, l'elenco delle conferenze organizzate, le pubblicazioni della Leicestershire Archaeological and Historical Society ed infine un notiziario concernente le attività dell'associazione stessa.

      Lincolnshire Archaeology Home Page
      La semplice Home Page dedicata all'archeologia nella contea del Lincolnshire consente di accedere ad una versione elettronica del Lincolnshire Archaeological Handbook, una manuale che riporta la linee di guida da seguire nella ricerca archeologica locale, e inoltre alle sezioni:
      • Archaeological Services, nella quale si illustrano i compiti e le attività dell'ufficio archeologico della contea.
      • Some sites to visit, brevi descrizioni di alcuni dei monumenti più significativi della contea; da segnalare due paginette di argomento romano, l'una dedicata al ritrovamento di due defixiones su laminette in piombo, l'altra all'insediamento romano di Nettleton.

      Lincolnshire History Project
      un sito web che si propone di promuovere lo studio della storia della contea del Lincolnshire. L'articolazione fondamentale del sito è per villaggi, ma non pare che al periodo romano sia dedicata una particolare attenzione. Si potrà comunque visitare la pagina dedicata ad una delle più importanti strade romane della Britannia, nota come Ermine Street, che in uno dei suo tratti attraversava anche il Lincolnshire.

      The Newstead Research Project
      Questo documento illustra il progetto di ricerca del Dipartimento di Archeologia dell'Università di Bradford, dedicato al sito di Trimontium, l'odierna Newstead, uno dei più importanti centri romani della frontiera settentrionale della Britannia.

      North Bucks Archaeological Society
      Un'associazione archeologica con sede a Milton Keynes, che si propone di promuovere la ricerca sul passato della regione di North Bucks. Oltre ad una breve presentazione dell'associazione, il sito web contiene il calendario delle manifestazioni organizzate dalla NBAS, un breve resoconto delle ricerche intraprese (nessuna delle quali sembra riguardare direttamente il periodo romano), il consueto elenco di altri siti web rilevanti e informazioni su come mettersi in contatti con l'associazione.

      Northamptonshire Archaeological Society
      L'associazione è nata nel 1974 allo scopo di promuovere le ricerche archeologiche e storiche sulla contea del Northamptonshire. Nel sito web della NAS si troveranno:
      • Annunci delle manifestazioni e degli eventi organizzati dall'associazione, con un link alla versione on line del bollettino «NASNews» e a brevi notizie riguardo le ricerche archeologiche recentemente condotte nella contea.
      • Informazioni sulle pubblicazione della NAS, il già citato «NASNews» e la rivista «Northamptonshire Archaeology», di cui sono disponibili on line gli indici e riassunti degli articoli apparsi nelle annate 1995 e 1996-1997.
      • Un breve elenco di links a siti Internet di interesse.
      • Informazioni su come iscriversi all'associazione.
      Per ulteriori informazioni sulla Northamptonshire Archaeological Society contattare Martin Tingle.

      Orpington and District Archaeological Society
      Questa associazione è nata nel 1975 per promuovere lo studio dell'archeologia nella cittadina di Orpington e nella regione corrispondente al corso superiore del fiume Cray, nella contea del Kent, alle porte della Graeter London.
      Il sito web dell'associazione comprende le pagine:
      • About Us, con una breve illustrazione della storia dell'associazione e delle sue finalità.
      • Events 2001, calendario delle manifestazioni organizzate dall'associazione.
      • Join Us, i vantaggi e le modalità di associazione alla Society.
      • Newsletter, breve presentazione di «Archives», il bollettino dell'associazione.
      • Publications, breve presentazione delle pubblicazioni curate dall'associazione.
      • Scadbury, rapida introduzione alle ricerche di questo sito medievale e moderno.
      • Cray Valley, schematica presentazione delle indagini di superficie compiute nella vallata superiore del fiume Cray.
      • Links, breve elenco di connessioni a siti Internet di interesse.
      • Photos, una selezione di immagini che illustrano le attività dell'associazione; alcune di esse riguardano reperti di età romana.
      L'indirizzo da contattare per avere maggiori informazioni sull'associazione è info@odas.org.uk.

      The Otford and District Archaeological Group
      Piccolo sito web di un gruppo di archeologi volontari che operano nella regione di Otford e di Sevenoaks, nel Kent. Si segnala in particolare la sezione Latest News, con informazioni sulle recenti iniziative intraprese dall'ODAG.
      L'indirizzo di posta elettronica dell'associazione è theodag@hotmail.com.

      Oxfordshire Architectural and Historical Society
      L'associazione è stata fondata nel 1849 e si occupa dell'archeologia, della storia e dell'architettura di Oxford e della sua contea. Nella pagina elettronica dell'associazione troviamo informazioni su come aderire, i programmi delle conferenze e delle escursioni, informazioni sull'Annual General Meeting, su Oxoniensia, la rivista della Oxfordshire Architectural and Historical Society, sulla biblioteca dell'associazione, annessa all'Ashmolean Library.
      Il sito elettronico è completato da tre pagine di connessioni: Related Organizations in Oxfordshire, British Archeology on the Internet (dall'Università di Durham) e Oxford.
      Per contattare l'Oxfordshire Architectural and Historical Society inviare un messaggio di posta elettronica all'indirizzo tony.dodd@etgate.co.uk.

      The Roman Baths and Pumproom
      Sito Internet dedicato ai celebri impianti termali romani di Bath, l'antica Aquae Sulis, a cura del Bath and North East Somerset Council. Il sito comprende le sezioni:
      • Baths and Temple, che contiene solamente un breve filmato sulle terme di Bath.
      • The Tour, un percorso guidato e illustrato attraverso le terme romane di Bath.
      • Teachers, informazioni di carattere pretico per gli insegnanti che volessero organizzare una gita della loro scolaresca alle terme.
      • Image Gallery, tutte le immagini del tour in una pagina, in formato thumbnail; puntando il mouse su una delle fotografie si perviene alla versione ingrandita.
          Il sito comprende anche un prospetto con gli orari di apertura delle terme, un modulo di feedback, un elenco di links consigliati e un motore di ricerca interno: apparentemente solo da questa ultima pagina, denominata Search, si può accedere ad un calendario delle manifestazioni in programma presso le terme di Bath (non aggiornato, almeno nel momento in cui compilavo questa scheda), a una bibliografia sugli scavi archeologici di Bath e a qualche titolo di inquadramento sulle terme e la religione romana e ad una mappa del sito.
          Per ulteriori informazioni inviare un messaggio di posta elettronica all'indirizzo RomanBaths_enquiries@bathnes.gov.uk.

          Roman Britain
          Questa pagina è il punto di partenza per esplorare i diversi siti Internet che Guy de la Bédoyère ha dedicato alla storia e all'archeologia della Britannia romana, basandosi su alcune parti della sua monografia Companion to Roman Britain, Stroud 1999. In particolare si potranno vedere le sezioni:
          • The Roman Inscriptions of Britain, sito sul quale si veda l'apposita scheda.
          • Gods and Goddesses of Roman Britain, un catalogo delle divinità della Britannia romana attestate dalla documentazione epigrafica.
          • Legions, schematiche schede sulle legioni di stanza in Britannia.
          • Auxilia, schematiche schede sulle unità ausiliare di stanza in Britannia.
          • Books about Roman Britain and archaeology, un breve elenco di monografie recentemente dedicate alla Britannia romana, con immagini delle copertine.
          • Carausius, un articolo sull'usurpatore che controllò le province britanniche alla fine del III sec. d.C.
          • Hadrian's Wall, una sezione riccamente illustrata

          Roman-Britain.ORG
          Complesso sito a cura di K. White, si compone sostanzialmente delle seguenti sezioni:
          • The Geography of Britain, contiene in particolare diverse mappe della Britannia centro-meridionale, fondate sull'Ordnance Survey Historical Map and Guide - Roman Britain. In dettaglio vi si potranno trovare carte degli insediamenti civili britanni e romani, delle installazioni militari romane, una mappa cliccabile con tutte le località citate in RomanBritain.ORG, che rimanda ad un repertorio con una breve descrizione del sito, una carta delle tribù celtiche della Britannia. La sezione comprende anche un indice separato delle località della Britannia settentrionale e l'indice completo delle località della Britannia romana, in ordine alfabetico secondo la denominazione latina, con rimando al già citato repertorio.
          • The Britons, comprende una tabella con i profili biografici di tutti i sovrani britanni a noi noti, la trascrizione e il commento di CIL VI, 920, l'epigrafe che ricorda la dedica a Claudio di un arco trionfale quod reges Britannorum XI devictos. Una pagina speciale è dedicata a Togodumno, figlio maggiore di Cunobelino.
          • The Romans, comprende brevi profili degli imperatori romani, da Cesare a Domiziano, una prosopografia dei governatori della provincia di Britannia (in fase di costruzione), i fasti consolari dal 35 a.C. al 100 d.C., un glossario di termini militari in latino, informazioni sul calendario romano (con un'applicazione JavaScript che consente di convertire una data del nostro calendario nella data del calendario romano), sulle feste, sui numerali romani (con una piccola applicazione JavaScript cge consente di convertire i numeri in cifre arabe in numerali romani), sulle monete, sui pesi e le misure.
          • Literary References, comprende passi di autori antichi sulla storia della Britannia (in traduzione inglese), un elenco di opere di riferimento e una bibliografia delle opere che sono state utilizzate per compilare le pagine di Roman-Britain.ORG.
          Dalla pagina principale si può inoltre accedere ad alcune sezioni speciali, tra le quali segnalo:
          • Romano-British Links
          • Search Engines and Web Crawlies
          • Res novae, le novità recentemente incluse in Roman-Britain.ORG.
          Commenti e richieste di informazioni vanno inviate al curatore del sito, all'indirizzo di posta elettronica togodumnus@roman-britain.org.

          Roman Frontiers in Britain and Germany
          In questo sito Erik Dobat esplora due aree di frontiera del mondo romano. Si descrive qui l'ampia sezione dedicata alla Britannia, rimandando per la sezione concernente il limes della Rezia alla scheda compresa nel capitolo della Rassegna dedicato all'Archeologia della Germania.
          Il sito comprende le pagine:
          • History of Roman Britain, una breve introduzione al periodo romano della regione.
          • The Gask Ridge, incentrato sulle operazioni militari condotte da Cn. Giulio Agricola nelle regioni della Scozia e sull'archeologia dell'occupazione romana in questa area, in particolare sul sistema difensivo di Gask Ridge (con alcune immagini e un filmato in formato QuickTime)
          • Hadrian's Wall, una delle sezioni principali del sito, comprende pagine sullo Stanegate (il nome medievale del limes che correva lungo la linea dei fiumi Tyne e Solway, sul quale sorgerà il vallo di Adriano), sugli insediamenti militari di Vindolanda e di Coriosopitum, si sofferma sul piano originario del vallo, così come era stato concepito durante l'impero di Adriano, e sulle sue caratteristiche costruttive, sulle modifiche al piano originario apportate nel 124 d.C. (con particolare attenzione alle costruzioni dei forti di Arbeia, Segedunum, Condercum, Cilurnum, Brocolitia, Vercovicium, Banna), sulla sorte del vallo tra la seconda metà del II sec. d.C. e il IV sec. d.C.; l'autore si interroga infine sugli scopi del complesso sistema difensivo.
          • Antonine Wall, altra estesa sezione, nella quale ci si sofferma sulla conquista della Scozia nell'età di Antonino, sulle caratteristiche della nuova linea difensiva, sulla data di occupazione del vallo di Antonino e sulla sua funzione.
          • Picture Gallery, sezione nella quale sono comadamente raccolte tutte le numerose immagini del sito, in particolare su Gask Ridge, il vallo di Adriano e il Vallo di Antonino.
          • Links, una raccolta di connessioni a pagine Internet di Dipartimenti di Archeologia nel Regno Unito e in Germania, a siti sulla Britannia romana e sull'archeologia in genere.
          • Bibliography, un breve elenco di opere di riferimento sul tema delle frontiere romane in Britannia e in Germania.
          Il curatore del sito può essere contattato agli indirizzi di posta elettronica erik.dobat@stud.uni-muenchen.de o edobat@hotmail.com.

          The Roman Map of Britain
          Pagina web collegata alla ricerca sulla geografia della Britannia romana intrapresa dal 1994 da Thomas G. Ikins, partendo dai dati raccolti nella Cosmographia dell'Anonimo Ravennate. Il sito si compone dei capitoli:
          • Preface and Observations on the cosmographer's method.
          • The Ravenna Cosmography, con la trascrizione dei passi concernenti la Britannia.
          • The Antonine Itineraries, con la trascrizione e una visualizzazione sulla mappa dei percorsi riguardanti la Britannia.
          • Ptolemy's Geography, testo originale (reso come immagine) e traduzione in inglese dei passi concernenti la Britannia.
          • Notitia Dignitatum, trascrizione dei passi concernenti la Britannia.
          • The Rudge Cup and the Amiens Patera, trascrizione di due importanti testi epigrafici su instrumentum il primo testo è inciso su un vaso in bronzo rinvenuto nel 1725 nella località di Rudge, nel Wiltshire (CIL VII, 1291 = RIB II, 2415.53 ); il secondo appare su una patera bronzea ritrovata ad Amiens (AE 1950, 56).
          • Medieval Latin Orthography and Errors in Transmission, un esemplificazioni degli errori di ortografia commessi dai copisti medievali, di particolare rilevanza nello studio della trasmissione dei nomi geografici dell'antichità.
          • Bibliography and Selected Reading
          • Links to Internet Resources, con le sottosezioni, Maps, Place-Names, Archaeology, Inscriptions, Literary Sources.
          Ciascuna delle località menzionate nelle fonti prese in esame è collegata da un link ipertestuale alla scheda di un repertorio geografico in cui si rimanda alle altre fonti che attestano il toponimo e talvolta lo si discute brevemente.

          The Roman occupation of Cumbria & the Lake District
          Un breve e semplice testo sull'occupazione romana della regione nord-occidentale della Britannia.

          The Roman Painted House at Dover, England
          Nel 1970 venne scoperta a Dover vennero scoperti alcuni ambienti appartenenti ad una mansio romana, risalente al 200 d.C.; la costruzione venne obliterata alla fine del III sec. d.C. dagli ampiamenti di un vicino forte. L'importanza di questo ritrovamento è soprattutto dalla straordinaria decorazione pittorica, tra le più rilevanti dell'Europa settentrionale, di cui alcuni esempi sono visibili in questo sito web, insieme ad immagini dell'impianto di riscaldamento e alle consuete informazioni di carattere pratico per organizzare una visita.

          Roman Roads in Britain
          Nell'ambito del grande sito Lacus Curtius, Bill Thayer ha approntato una versione per il web di un volume classico sulla viabilità romana della Britannia: T. Codrington, Roman Roads in Britain, London 1903.

          Romano-British Sites and Museums
          Si tratta della prima parte di un lungo contributo apparso nella versione elettronica della rivista "Athena Review", articolato in quattro capitoli:
          Il primo capitolo, List of Sites, è un semplice elenco di musei e siti archeologici del Regno Unito concernenti il periodo romano, con connessioni alle pagine di Internet, qualora siano disponibili; la guida è articolata nelle sezioni:
          • National Museum collections
          • Roman forts and related museums
            • Hadrian's Wall: main forts and outposts
            • Hadrian's Wall: Milecastles and Turrets
            • Other Roman forts in England
            • The Antonine Wall
            • Other Roman forts in Scotland
            • Roman forts in Wales, and associated museums
          • Roman Towns
          • Villas
          • Regional and Local Museums
          • Other (non-British) Roman collections in the UK
          La pagina è ancora in fase di costruzione, per il momento è stato completato solamente l'elenco relativo ai Musei Nazionali e alle fortificazioni romane.
          Gli altri capitoli che compongono il lungo articolo sono:
          • The Landings of Caesar in Britain, 55 and 54 BC
          • Boudicca, the Queen of the Iceni, led a revolt against the Roman military in AD 60-61.
          • The Antonine Wall in Scotland

          The Romans at Woodchester
          Nell'ambito di una guida on line sulle località di Woodchester e Selsley, nella regione del Cotswolds), Graham Thomas ci propone un excursus sul periodo romano nella regione, incentrato sulla importante villa di Woodchester. L'ipertesto, riccamente illustrato, conserva anche brani e immagini dal volume di S. Lysons, An Account of Roman Antiquities discovered at Woodchester in the County of Gloucestershire, London 1797, e estratti da articoli sulla villa di Woodchester e i suoi mosaici recentemente apparsi nella stampa quotidiana.

          The Romano-British Villa at Easton Maudit
          Il sito Internet è disponibile in due versioni, di cui la prima richiede Shockwave Flash, mentre la seconda, che qui si descrive, è in normale formato HTML.
          La Home Page presenta in alto un disegno ricostruttivo della villa, in basso alcuni simboli che rimandano ad altrettante pagine di approfondimento. Cliccando sul disegno si perviene ad una pagina con una dettagliata mappa della villa stessa: puntando il mouse sulle voci che appaiono in didascalia vengono evidenziati nella mappa gli elementi corrispondenti, per esempio le zone in cui sono state individuate delle sepolture.
          Le pagine di approfondimento, quasi tutte di grande interesse e con belle illustrazioni, sono le seguenti:
          • Aerial Photography of the Villa Site.
          • Stone Artefacts from the Easton Maudit Villa.
          • Pottery from the Easton Maudit Villa.
          • Some Coins from the Easton Maudit Villa.
          • The Brooches, una sezione molto ricca dedicata alle spille e ai fermagli rinvenuti a Easton Maudit, a cura di D.F. Mackreth; disponibile anche nella versione PDF.
          • The Intaglio, pagina dedicata ad una bella gemma raffigurante Meleagro.
          • Bricks & Tiles.
          • Worked Bone & Antler Artefacts.
          • Some Painted Plaster Fragments from the Easton Maudit Villa, in fase di costruzione nel momento in cui compilavo questa scheda (aprile 2001).
          • Glass from the Easton Maudit Villa.
          • The Mosaic Flooring of the Easton Maudit Villa.
          • Iron Plough Coulter from the Easton Maudit Villa, pagina dedicata ai resti di un aratro rinvenuti negli scavi di Easton Maudit.
          • The Burials.
          • The Team, informazioni sulla numerosa equipe che ha lavorato allo scavo.
          • The Little Black Book Page, rimandi a siti Internet di interesse.

          The Scottish Urban Archaeological Trust
          Nata nel 1982 nella città di Perth, questa associazione si propone di indagare le origini e gli sviluppi dei centri urbani e del loro hinterland. Il sito del Scottish Urban Archaeological Trust (SUAT) si compone delle pagine:
          • The work of the Trust, in cui illustrano i diversi servizi offerti.
          • Recent Fieldworks Reports, con alcuni resoconti di un certo interesse per gli studiosi della Britannia romana.
          • Current Projects
          • Publications, elenco delle pubblicazioni promosse da SUAT.
          • Links to other archaeological Web sites, suddiviso nei capitoli Archaeology in Scotland, Archaeological Indices, Other Related Sites.
          • Can you help? In questa sezione si chiede il parere e l'aiuto degli studiosi di archeologia di tutto il mondo per risolvere alcuni problemi aperti dalla ricerca; nel momento in cui ho visitato il sito di SUAT si chiedeva per esempio di indicare possibili paralleli per un vaso datato al radiocarbonio tra il III e il VI sec. d.C.
          Il sito è completato da un modulo attraverso il quale si può contattare il Trust.

          Silchester
          Questo sito web ci informa sulle ricerche archeologiche condotte dall'Università di Reading in un quartiere della città romana di Calleva, l'odierna Silchester. L'organizzazione del sito, a prima vista non molto intuitiva, è la seguente:
          • Le attività della scuola estiva di scavo organizzata dall'Università di Reading nel sito di Silchester.
          • News: un resoconto dell'ultima campagna di scavo, con numerose illustrazioni.
          • L'insula IX, con i risultati finora raggiunti dall'unità di ricerca dell'Università di Reading. In questa sezione è possibile seguire due links: Archaeology, in cui si spiega la scelta dell'insula IX di Silchester per lo scavo, si illustrano gli scavi di età vittoriana condotti sul sito, e si riprendono brevemente le diverse fasi dell'occupazione del sito, dalla tarda età del Ferro sino alla fine dell'età romana; da questa sezione è anche possibile accedere agli interim reports delle campagne di scavo. Una seconda sezione è denominata Finds: vi si illustrano alcuni dei più interessanti ritrovamenti nell'insula IX.
          • Town: una mappa di Calleva.

          Surrey Archaeological Society
          Questa associazione ha una lunghissima storia: venne infatti fondata nel 1854 per promuovere lo studio dell'archeologia e delle antichità della contea del Surrey. Nel sito web della Surrey Archaeological Society si troverà un calendario delle manifestazioni, informazioni su come aderire all'associazione, l'elenco delle pubblicazioni della Society, ivi compresa la rivista «Surrey Archaeological Collections», con gli indici dei fascicoli recentemente pubblicati, notizie sulla biblioteca dell'associazione.
          Per ulteriori informazioni sulla Surrey Archaeological Society contattare Audrey Monk.

          Survey and excavations on enclosures in Cranborne Chase
          La pagina illustra le ricerche compiute dall'Archaeology Group dell'Università di Bournemouth a partire dall'estate del 1995 nel Dorset settentrionale, quando un'eccezionale siccità ha consentito di rilevare attraverso la prospezione aerea siti archeologici fino a quel momento ignoti o poco noti. Riguardano la fase romana in particolare gli scavi dei siti di Manor Farm e di Goldfields Farm.

          The Sussex Archaeological Society
          La complessa pagina di questa associazione si suddivide in quattro grandi aree:
          • Research, contiene numerosi contributi on line sull'archeologia del Sussex, tra i quali segnalo per il loro interesse per la fase romana:
            • Fishbourne Roman Palace Final Interim 1995-9.
            • Fishbourne Roman Palace Excavations Dig Diary 1999
            • Sussex Historians on-line Bibliography
            • Book Reviews, brevi recensioni di monografie dedicate alla storia locale recentemente acquisite dalla Barbican House Library di Lewes.
            • «Sussex Archaeological Collections», comprende l'indice e i riassunti degli articoli comparsi nell'annata 1998 della rivista.
            • Inside: Outside. Architecture and the Individual at Fishbourne Roman Palace, pre-print di un contributo di J. Manley.
          • Education, illustra le attività didattica portate avanti dall'associazione; una sezione è dedicata al palazzo romano di Fishbourne.
          • Membership.
          • Shop, libreria on line della Sussex Archaeological Society.
          Direttamente dalla Home Page si può consultare l'ampia sezione dedicata al già citato Fishbourne Roman Palace, un grande edificio la cui fondazione risale al momento della conquista della Britannia, nel 43 d.C., ma che già nel corso del I sec. d.C. passò da una funzione prettamente militare ad una civile; si notino in particolare le immagini dei bei mosaici rinvenuti a Fishbourne.

          Teaching Learning Technology Project : Archaeology Consortium
          Si tratta di un progetto finalizzato al miglioramento della didattica nelle discipline archeologiche grazie all'utilizzo delle nuove tecnologie. La principale attività del Consorzio è appunto quella di produrre software multimediale per un pubblico di studenti di archeologia. Questa pagina WWW ci consente in modo particolare di accedere a:
          • Una dettagliata descrizione del progetto.
          • List of teaching modules with screen shots, una lista dei programmi fino a questo momento prodotti dal Consorzio: di ogni programma si riferisce il titolo, l'autore e l'Università presso il quale è stato sviluppato, le dimensioni e il tempo che viene richiesto agli studenti per eseguire gli esercizi previsti; viene poi fornita una breve descrizione del programma. Molte descrizioni sono accompagnate da un link che consente di osservare una videata del programma in questione.
          • Newsletters.
          • Other related initiatives, con links ad altri progetti sull'informatica applicata alla didattica.
          L'indirizzo e-mail del progetto è tltparch@arts.gla.ac.uk.

          Thetford Forest Archaeological Survey
          Le indagini su questa area, nella regione dell'East Anglia, hanno portato tra l'altro alla scoperta di un insediamento romano del III-IV sec. d.C. Se ne offre qui una breve descrizione, accompagnata da immagini di alcuni ritrovamenti.

          The Thoroton Society of Nottinghamshire
          Associazione fondata nel 1897 per la promozione dello studio dell'archeologia e della storia della contea del Nottinghamshire. Comprende:
          • Introduction, una breve presentazione delle attività della Society, con le modalità di iscrizione.
          • What's New, recenti aggiornamenti al sito web della Society.
          • Bollettino on line dell'associazione.
          • Events, calendario delle manifestazioni oraganizzate dall'associazione.
          • Publications, presentazione delle pubblicazioni della Society, tra le quali ricordo la rivista «Transactions of the Thoroton Society of Nottinghamshire», di cui si potranno consultare gli indici dei fascicoli più recenti. Da questa sezione è possibile scaricare una versione elettronica (in formato Word o PDF) del volume di L. Craik, Centenary Index, 1897-1997, to Thoroton Society publications.
          • Council, con l'organigramma dell'associazione.
          • Dr Robert Thoroton, sezione dedicata allo studioso cui l'associazione è intitolata, che pubblicò nel 1677 l'opera The Antiquities of Nottinghamshire.
          • Nottinghamshire, con una antica carta della contea e una breve discussione delle sue suddivisioni interne.
          • Links, lista di connessioni a siti web di interesse, incentrata sul Nottinghamshire.
          • Contact us, persone e indirizzi da contattare per avere maggiori informazioni sull'associazione.
          Un motore di ricerca interno facilita la navigazione nel sito della Thoroton Society.

          Trent & Peak Archaeological Unit
          Nuova denominazione del Trent & Peak Archaeological Trust, un'associazione nata nel 1967 per portare avanti l'esplorazione archeologica nella valle del fiume Trent, in Inghilterra. Ora l'associazione ha ampliato il suo raggio d'azione all'intera Europa, anche se il fulcro del suo interesse rimane la ricerca archeologica nelle contee del Nottinghamshire e Derbyshire. La Home Page WWW di Trent & Peak consente di accedere a numerose informazioni sull'attività dell'associazione e sull'archeologia nel Regno Unito, in particolare a:
          • About the Unit
          • Unit Staff Directory
          • Archaeological contract and consultancy services
          • Recent Unit Projects
          • News and Events
          • Publications Database
          Un motore di ricerca interno consente di ritrovare rapidamente le informazioni desiderate tra le pagine elettroniche del Trent & Peak Archaeological Unit. Sono inoltre attivate connessioni con le pagine elettroniche dell'Università di Nottingham.
          Per informazioni e commenti contattare Keith Challis.

          Trimontium
          Sito web del Trimontium Trust dedicato principalmente all'omonimo insediamento militare romano, non lontano dall'odierna Melrose, in Scozia. Il sito si articola in diverse sezioni, tra le quali segnalo:
          • Exhibition, che illustra la mostra permanente su Trimontium.
          • Il calendario delle conferenze organizzate dal Trimontium Trust (non molto aggiornato, nel momento in cui compilavo questa scheda: gli appuntamenti elencati erano infatti relativi al 1999!).
          • Trimontium Fort, la sezione più interessante, illustra brevemente le vicende dell'insediamento militare di Trimontium e la storia della sua scoperta; comprende anche una mappa del sito, alcune fotografie aeree e pagine speciali sull'anfiteatro e i ritrovamenti di gemme.
          Eventuali commenti e suggerimenti vanno inviati all'indirizzo di posta elettronica secretary@trimontium.freeserve.co.uk.

          UK Archaeology Opportunities
          Per una descrizione di questa pagina rimando alla scheda nella sezione Offerte di lavoro.

          Upper Nene Archaeological Society
          L'associazione è nata nel 1962 per promuovere le ricerche archeologiche sulla preistoria e l'età romana nel Northamptonshire. Oltre a fornire informazioni sull'adesione all'associazione, la pagina web dell'UNAS illustra brevemente lo scavo di una villa romana nella località di Piddington (intrapreso dall'UNAS a partire dal 1979), presenta le pubblicazioni edite dall'associazione e fornisce infine un buon elenco di links di interesse archeologico, suddiviso nelle sezioni Prehistory, Roman, Post-Roman, National organisations, societies & research group & academia, Regional societies & units, Publications, Museums e Sources of archaeological information.
          L'indirizzo di posta elettronica dell'UNAS è unarchsoc@aol.com.

          Vindolanda
          Le pagine web su questo insediamento militare lungo il vallo di Adriano sono disponibili in due versioni: una versione enhanced, che richiede Shockwave Flash, e una normale versione in HTML, che qui descrivo. Il sito web di Vindolanda comprende le pagine:
          • Archaeology and Excavations, nella quale si troverà un breve resoconto illustrato delle campagne di scavo condotte a partire dal 1997, anticipazioni sulle ricerche che verranno condotte nella prossima campagna e informazioni per coloro che intendono partecipare agli scavi come volontari.
          • Tourist Information, non solo informazioni di carattere pratico, ma anche un'introduzione, corredata da immagini, al sito archeologico di Vindolanda e all'annesso Roman Army Museum; in questa sezione si troverà anche una nutrita collezione di links ad altre pagine Internet dedicate al vallo di Adriano e al mondo romano in genere.
          • Twenty Most Asked Questions, ancora in costruzione nel marzo 2001.
          • Aims and Objectives, gli scopi del Vindolanda Trust, nato nel 1970 per preservare il sito archeologico di Vindolanda.
          • Museum Gift Shop.
          • Museum Bookstore.

          York Archaeological Trust
          Lo York Archaeological Trust è una delle più importanti istituzioni per la ricerca archeologica della Gran Bretagna. Nel sito web segnalo in particolare per l'archeologia della Britannia romana:
          • Secrets beneath your Feet, una storia illustrata di York (soprattutto alla luce delle indagini compiute dall'Archaeological Trust) in cui ovviamente ampio spazio viene dato alla romana Eburacum, uno dei centri principali della provincia. Il percorso si snoda attraverso tappe che toccano il commercio, l'artigianato, la casa, gli indumenti, la religione e l'esercito.
          • Publications, il catalogo delle pubblicazione del Trust (con la possibilità di acquisto on line), molte delle quali sono dedicate ad Eburacum.
          • York Archive Gazetteer, una banca dati dei rinvenimenti archeologici a York e nella sua area dal 1972 al 1997. La base di dati è interrogabile attraverso diversi parametri, tra i quali quello cronologico: si scelga per esempio la voce Roman dal menu a tendina Periods covered.




Segnalazioni

Archaeoleg Cambria Archaeology

Council for British Archaeology: Wales

Cumberland & Westmoreland Antiquarian & Archaeological Society

The Glamorgan-Gwent Archaeological Trust

Gwynedd Archaeological Trust

The Kent Archaeological Field School

Lancaster Archaeological and Historical Society

National Museums & Galleries of Wales: Archaeology & Numismatics

Rescue: The British Archaeological Trust

Royal Commission on the Ancient and Historical Monuments of Wales

Rugby Archaeological Society: Investigation of the Roman Town of Tripontium

Sedgeford Historical and Archaeological Research Project

Yorkshire Archaeological Society


Indice Archeologia e immagini | Indice Generale Rassegna | Commenti


L'URL di questa pagina è: http://www.rassegna.unibo.it/archbrit.html

Ultimo aggiornamento di questa pagina: 3 marzo 2003

© Alessandro Cristofori 1995-2003